Archivi categoria: Spacing

Sono i luoghi dove si vive abitualmente e si trascorre la maggior parte del tempo (con particolare riferimento alla propria abitazione e al posto dove si svolge attività  lavorativa). Nella valutazione della risposta non devono essere presi in considerazione i soggiorni di vacanza.

Fai spazio nella tua vita

Le nostre case esplodono letteralmente di cose che ci costano tanti soldi, tanto tempo e tanta fatica, che diventano fonte di ansia e preoccupazione e ci distraggono dall’obiettivo più semplice e vero della nostra vita: la felicità. Fare spazio nella nostra casa — e di conseguenza lasciar respirare la nostra mente — significa invece guadagnarsi la libertà di muoverci verso la parte più autentica di noi stessi.

Questo articolo è stato pubblicato in Libri, Spacing il da .

La mente del viaggiatore

Perché il viaggio agisce come una forza che muta il corso della storia? Come può una semplice transizione spaziale influenzare gli individui, plasmare i gruppi sociali e modificare profondamente quelle strutture di significato che chiamiamo cultura? Leed studia le alterazioni dell’identità personale e della civiltà indotte dal viaggio – il viaggio reale, ma anche quello metaforico che ci porta a chiamare “trapasso” la morte e “cammino” la vita -, cogliendo nell’esperienza della mobilità territoriale un modello di trasformazione culturale, temporale, psicologica. Thttavia, dai tempi delle perigliose prove di Gilgamesh e Ulisse al fidente “tutto compreso” del turismo di massa, il significato simbolico del viaggio è mutato radicalmente. Se nell’Antichità e nel Medioevo attraverso pericoli e cimenti si attingeva una purificazione interiore, con i grandi viaggi scientifici in epoca moderna viaggiare diventa fonte di libertà e di svelamento dell’io. Infine, nella società industriale, transitare da un luogo all’altro permette all’uomo di riconoscersi un’appartenenza nazionale e insieme un’identità personale.

Questo articolo è stato pubblicato in Libri, Spacing il da .

Ferro 3 – La casa vuota

Autore: Kim Ki-Duk
Tae-Suk è un giovane che trascorre le sue giornate entrando nelle case lasciate vuote occasionalmente dai proprietari. Dorme sul divano, si fa la doccia, lava i panni, aggiusta gli oggetti che non funzionano, gioca a golf e si scatta fotografie da solo con la sua camera digitale. Tutto con una leggerezza quasi ultraterrena. I gesti che compie Tae-Suk nelle sue giornate sono il suo divertimento, il trascorrere del tempo di una persona che vive da sola, e che nella vita non ha dimenticato uno degli elementi più importanti, la curiosità. Un giorno, entrando in una casa, si accorge c’è una ragazza, Sun-hwa, che ha dei segni di maltrattamenti sul viso. Sono i continui litigi con il marito. Tae-suk, la prende con sé, per vagare insieme nelle case degli altri, e condividere questo strano modo di vivere che trasforma, lentamente, la loro amicizia in amore. Un evento inaspettato li allontanerà, ma non per sempre.

Questo articolo è stato pubblicato in Film, Spacing il da .

Essere John Malkovich

Autore: Spike Jonze
Craig Schwartz è un burattinaio di scarso successo, vive con la moglie Lotte ossessionata degli animali (in casa hanno un cane, un gatto, uno scimpanzé, un’iguana, un furetto e un pappagallo). Lotte sprona Craig a cercare un lavoro che gli permetta di sbarcare il lunario. Grazie alla sua abilità nel muovere le dita ottiene un impiego come archivista alla Lester Corp, un’azienda molto particolare situata al settimo piano e mezzo (quindi con soffitti molto bassi) di un grattacielo di New York. Qui Craig incontra Maxine una bellissima collega della quale si innamora. Casualmente, un giorno Craig scopre dietro ad un mobile un passaggio che gli consente di ritrovarsi dentro la testa del famoso attore John Malkovich, dopo circa 15 minuti viene catapultato nel fossato che costeggia l’autostrada chiamata New Jersey Turnpike. Craig mostra la sua scoperta a Maxine che ha l’idea di creare una società, la J.M. Inc., che durante le ore notturne permette a chiunque di essere John Malkovich per 15 minuti al costo di 200 dollari.

Questo articolo è stato pubblicato in Film, Spacing il da .

Home

Autore: Ursula Meier
Michel, Marthe e i loro tre figli vivono da anni in una casa a pochi metri da un tratto di autostrada che non è mai stato attivato. Il lungo asfalto è il proseguimento del loro giardino; luogo di scorribande in bicicletta e soggiorno ideale per guardare la TV nelle sere d’estate o per fumare l’ultima sigaretta della giornata, lasciando correre la vista all’orizzonte. Da un giorno all’altro, però, l’autostrada viene inaugurata e la famiglia di Michel si ritrova spettatrice di un traffico senza sosta, assordante, alienante. In cerca di riparo indietreggia, si barrica, fino ad imprigionarsi con le proprie mani. 
Opera prima di Ursula Meier, Home, è la storia della deflagrazione di una follia latente, ma è anche una parabola sulla difficoltà di trovare il proprio posto nel mondo.

Questo articolo è stato pubblicato in Film, Spacing il da .

Giardini in autunno

Autore: Otar Iosseliani
Vincent è un ministro, un uomo potente, non brutto, piuttosto elegante, grande bevitore e buongustaio. Odile, la sua amante, è una ragazza molto bella, intelligente, lucida e affascinante. Quando Vincent viene rimosso dal ministero Odile lo lascia. Théodière, il nuovo ministro in carica, s’insedia nel sontuoso ufficio di Vincent e distrugge tutto quello che trova, cambia gli scaffali, i rivestimenti di poltrone e divani, la scrivania, fino addirittura ai posacenere e ai telefoni. Non si sa per quanto tempo resterà in carica ma lui è ottimista. L’ex ministro Vincent, invece, comincia a vivere. Un giorno Vincent incrocia Théodière, suo rivale e successore caduto in disgrazia a sua volta, ma Vincent non proverà né odio, né gioia perversa, anzi gli offrirà da bere.

Questo articolo è stato pubblicato in Film, Spacing il da .

Slow Travel

Autore: Gaia De Pascale
Il piacere di viaggiare, di scoprire la vita di un luogo, non di materializzarsi in posti lontani senza sapere cosa c’è in mezzo. Il gusto di percorrere le strade guardando quello che c’è intorno, e non sfrecciandovi in mezzo. Oggi si può andare ovunque in poco tempo. Proprio per questo è ora di recuperare il viaggio a misura d’uomo, il viaggio lento, a piedi o in bicicletta. Viaggiare lento: Tiziano Terzani in "Un indovino mi disse" racconta di un anno passato viaggiando solo in treno. Perché è quello il modo per entrare davvero in contatto con la gente, con i popoli a cui tutto passa sopra la testa, non solo gli aeroplani. Un libro di consigli pratici, ma non solo: una guida ricca di riflessioni, con un approccio romantico-letterario. Perché il turista pellegrino è soprattutto questo: un nuovo poeta.

Questo articolo è stato pubblicato in Libri, Spacing il da .

Morto di riunioni

Autore: Patrick Lencioni
Uno dei momenti più pesanti del lavoro in azienda, le riunioni. Forse il più detestato da chi vi partecipa quotidianamente, sottraendo tempo al "lavoro vero". Quanti di noi si sono trovati a pensare, almeno una volta: "Senza tutti questi meeting, il mio lavoro mi piacerebbe molto di più!"? Un po’ come se un chirurgo confessasse, prima di entrare in sala operatoria, "Se non dovessi operare, sarei innamorato di questa professione", o un direttore d’orchestra dicesse "Grande lavoro il mio, se non fosse per i concerti". Bizzarro vero? Eppure è esattamente ciò che facciamo quando ci lamentiamo delle nostre riunioni… Patrick Lencioni affronta con umorismo e senso pratico il problema e indica soluzioni intelligenti e originali per rendere le riunioni come dovrebbero essere – interattive, utili e meglio organizzate – e non passive, noiose e confuse come spesso sono. E lo fa con un breve e coinvolgente romanzo di business – la storia di Casey McDaniel e di come si sia trovato ad affrontare "la Riunione" per eccellenza, che avrebbe deciso del suo futuro professionale – e la descrizione della metodologia utilizzata nel racconto, spiegando con chiarezza come far diventare ogni meeting un’esperienza produttiva e soddisfacente.

Questo articolo è stato pubblicato in Libri, Spacing il da .

The way back

Autore: Peter Weir
1940. Nella Polonia occupata dalle truppe sovietiche, il soldato Janusz viene denunciato come spia dalla moglie sottoposta a tortura. Spedito in un gulag in Siberia. Qui, insieme all’attore Khabarov, all’americano Mr.Smith, e al criminale comune Valka inizia a pensare a un piano di fuga che riuscirà ad attuare insieme ad altri detenuti. Ciò che li attende fuori dal campo di prigionia è l’inverno siberiano. La loro prima meta è costituita dal lago Baikal e dai confini con la Mongolia. Il loro viaggio è però destinato ad essere molto più lungo e, conseguentemente, molto più tormentato.

Questo articolo è stato pubblicato in Film, Spacing il da .

Waking Life

Autore: Richard Linklater
Wiley Wiggins viaggia attraverso una serie di incontri ed osservazioni in un mondo che potrebbe essere o non essere la realtà. Il film segue il protagonista mentre osserva – e più tardi partecipa a – discorsi filosofici che tessono insieme temi come apparenza e realtà, libero arbitrio, relazioni con gli altri e il senso della vita.

Questo articolo è stato pubblicato in Film, Spacing il da .