Archivi autore: Brain Refresh Lab

Al momento giusto

A chi non è mai capitato di trovarsi nella situazione di non avere la risposta pronta per ribattere durante una discussione? Come si può sviluppare la prontezza di riflessi verbale che ci permette di rispondere velocemente e argutamente a quello che ci dicono le altre persone? Chi sa pensare bene, e parlare bene, è capace di dare agli altri un’idea esatta del proprio sé e può cambiare il corso degli eventi.

Continua a leggere

Questo articolo è stato pubblicato in Sviluppo del potenziale il da .

Un abito rivelatore

Il look comunica qualcosa di così importante che influenza il comportamento di chi ci sta intorno. Infatti, trasmette una grande quantità di informazioni. Il modo con cui decidiamo di presentare la nostra immagine, oltre a comunicare, ci aiuta ad entrare in contatto ed empatia con gli altri.

Continua a leggere

Questo articolo è stato pubblicato in Prossemica il da .

I benefici di una mente libera

Quando fantastichiamo, rielaboriamo ciò che siamo e ciò che abbiamo vissuto riusciamo a proiettarci di più negli altri e a metterci nei loro panni. Inoltre, fare delle pause nel quotidiano, anche brevi, aiuta a conservare le informazioni più a lungo nella nostra memoria.

Continua a leggere

Questo articolo è stato pubblicato in Fisico, mente e alimenti il da .

Glory

A volte un oggetto ha un valore che va al di là della sua materialità. E’ il caso del vecchio orologio di Glory che il protagonista Tzanko ha ricevuto da suo padre e che usa per svolgere al meglio il suo lavoro da ferroviere. Finché un atto di estrema onestà (la restituzione di un’ingente somma di denaro trovata sui binari del treno) non lo obbligherà, per un’assurda combinazione di eventi, a separarsene. Per lui, divenuto riluttante simbolo di onestà nelle mani del Ministro dei Trasporti, recuperare il Glory diventerà anche un modo per recuperare la propria dignità di uomo.

Questo articolo è stato pubblicato in Film, Ruolo e posizionamento il da .

Sul silenzio

Il nostro tempo è inquinato dal rumore. Pare che il desiderio di distrazione abbia vinto la partita: difficile trovare un luogo in cui il silenzio non sia rotto da qualcuno che schiaccia un pulsante e lo distrugge. Per non dire dei dispositivi elettronici. Prima dell’avvento degli smartphone ci si parlava a tavola, sui tram, durante una passeggiata. Adesso, si consultano le mail o si manda un sms, buttando là di tanto in tanto una parola per dimostrare agli altri che esistono, anche se a intermittenza. In questo frastuono frenetico, diventa difficile ascoltare la parte più vera di sé. Come forma di resistenza nasce allora l’aspirazione al silenzio attraverso la disconnessione, il ritiro in luoghi isolati e il camminare, che conosce un successo prodigioso.

Questo articolo è stato pubblicato in Gestione del tempo, Libri il da .

Creatività e pensiero laterale

Se si affronta un problema con il metodo razionale del pensiero si ottengono dei risultati logicamente corretti ma che, proprio per questo, sono già implicitamente compresi nell’esposizione del problema stesso. Quando si richiede invece una soluzione veramente diversa e innovativa si deve stravolgere il problema, partire dal punto più lontano possibile, ribaltare i dati, mescolare le ipotesi, negare certe sicurezze e addirittura affidarsi ad associazioni di idee del tutto casuali. Il libro è un vero e proprio manuale di pratica dell’invenzione e della fantasia.

Questo articolo è stato pubblicato in Informazioni e tecnologia, Libri il da .

Tecnoliquidità

Stiamo vorticosamente precipitando in una “società incessante”, sempre attiva, sempre più incapace di staccare la spina, sempre intenta a digitare, a twittare, a condividere, senza differenze tra giorno e notte, tra feriale e festivo, tra casa e ufficio, forse avviata verso una colossale dipendenza dalla “connessione”. In tal modo la rivoluzione digitale e la virtualizzazione della realtà intercettano, esaltano e plasmano alcune caratteristiche dell’uomo liquido: il narcisismo, la velocità, l’ambiguità, la ricerca di emozioni e il bisogno di infinite relazioni light. Tuttavia la caratteristica fondamentale della socialità tecnoliquida consiste nella pervasiva tecnomediazione della relazione. In fondo, però, si ha la sensazione che la fine della società di massa e il transito nella tecnoliquidità postmoderna dovranno fare i conti con l’esasperazione della solitudine esistenziale dell’individuo e forse non sarà Facebook, né Twitter o neanche ogni altra forma di “socializzazione virtuale” a placare l’irriducibile bisogno di “incontro con l’altro-da-sé” che è proprio dell’uomo e della donna di ogni epoca: il bisogno di “incontro con l’altro” nell’autenticità è così prepotente e vitale che oltrepasserà il mondo tecnoliquido.

Questo articolo è stato pubblicato in Libri il da .

La mia vita è uno zoo

Benjamin Mee è un giornalista temerario che scrive di avventure e di esperienze estreme. Padre appassionato di una bambina e di un adolescente ha perso la moglie da pochi mesi e prova a conciliare lavoro e questioni domestiche. Il dolore dei suoi figli e l’incapacità di vivere una casa e una città che lo hanno visto felice lo convincono a licenziarsi e a comprarne una in campagna, a nove miglia dalla civiltà. Il nuovo alloggio comprende sette ettari di terreno e uno zoo affollato di animali e dei loro zelanti custodi. Deciso a cambiare vita e intenerito dall’entusiasmo della sua bambina, investe sul futuro e acquista l’intero pacchetto. Inizia per Benjamin una straordinaria avventura, questa volta da vivere.

Questo articolo è stato pubblicato in Film il da .

Oltre il nudge

Siamo esseri razionali, ma con una razionalità limitata dall’incertezza dell’ambiente e dalle caratteristiche della nostra mente. Questa duplice condizione ci porta a prendere decisioni talvolta imperfette da un punto di vista economico. Non solo nel privato: anche come cittadini siamo soggetti a molte deviazioni dalla razionalità. A questo proposito il premio Nobel per l’economia Richard H. Thaler ed il giurista Cass Sunstein hanno coniato il termine «nudge»: a indicare una «spinta gentile» che lo Stato può fornire al fine di farci prendere decisioni efficaci in diversi ambiti cruciali della nostra vita, come la salute (fare o non fare i vaccini) e l’economia (sottoscrivere o meno una pensione integrativa). Nel presentare una nuova versione del «nudge», aggiornata alle recenti scoperte delle scienze comportamentali, il volume illustra i processi cognitivi che sottendono il successo delle strategie e delle politiche utili al nostro benessere e alla nostra felicità.

Questo articolo è stato pubblicato in Libri il da .

Media e potere

L’opera in questione, è una raccolta di saggi, scritti dal filosofo americano nel corso degli ultimi anni. Una riflessione sul rapporto tra mezzi di comunicazione, potere e controllo sociale. Un’analisi critica sulle strategie di addomesticamento e massificazione dell’individuo. A partire da quelle che definisce “Le 10 regole per il controllo sociale”, Chomsky analizza storicamente e socialmente, le strategie che il potere, mette in atto per manipolare la società. Un piccolo libro introduttivo, verso quella che è, la complessa opera di Noam Chomsky

Questo articolo è stato pubblicato in Libri il da .