Archivi categoria: Informazioni e tecnologia

Prossimi umani

È in atto la rivoluzione destinata a cambiare con velocità esponenziale la vita dell’uomo sulla Terra. Il progresso scientifico e tecnologico è drammaticamente rapido, ma ”Homo sapiens” è rimasto quello di 60.000 anni fa. I più prestigiosi scienziati italiani esperti di domotica, robotica, astrofisica, fisica nucleare, biotecnologie, demografia, genetica, intelligenza artificiale e bioingegneria disegnano gli scenari prossimi venturi: avremo una vita molto più lunga ma virtuale e sempre meno reale, abiteremo in gigantesche aree metropolitane, ci serviremo (forse) degli asteroidi come fonti di materie prime, ne sapremo di più sulla materia oscura e sull’Universo, con terapie geniche potremo rigenerare alcuni organi del corpo umano, consumeremo su larga scala prodotti ispirati al mondo vegetale, saremo coadiuvati dagli umanoidi nella vita quotidiana, la popolazione mondiale sarà di 11 miliardi, finalmente sbarcheremo su Marte… E infine, con il dominio della tecno-scienza, sarà sempre più arduo distinguere tra ”artificiale” e ‘’naturale”… Dalle loro previsioni emerge una necessità ineludibile: investire nella ricerca applicata è l’unico modo per non essere travolti da una rivoluzione che non sarà nulla di paragonabile a quanto è successo in oltre due millenni di storia.

Questo articolo è stato pubblicato in Informazioni e tecnologia, Libri il da .

Irresistibile

Benvenuti nell’era delle dipendenze comportamentali. Controlliamo ossessivamente le e-mail, i “mi piace” su Instagram e i post su Facebook; ci abbuffiamo di serie TV e di video su YouTube; siamo dipendenti dal lavoro e occupiamo una media di tre ore ogni giorno con lo smartphone. La metà di noi preferirebbe rompersi un osso piuttosto che rinunciare allo smartphone, e i millennials passano così tanto tempo davanti agli schermi che faticano a interagire con gli esseri umani in carne e ossa. In questo libro Adam Alter, professore di psicologia e di marketing alla New York University, segue l’ascesa delle dipendenze comportamentali e spiega perché molte delle tecnologie attuali sono irresistibili. Nonostante queste tecnologie miracolose siano in grado di collegare persone che si trovano nei punti più lontani del globo, il loro magnetismo straordinario, e qualche volta dannoso, non è casuale. Le aziende che le progettano ne aggiornano le caratteristiche finché diventa impossibile resistervi. Alter spiega come possiamo controllare e utilizzare al meglio queste tecnologie che generano dipendenza – per migliorare il modo in cui comunichiamo, spendere e risparmiare denaro, porre confini tra lavoro e gioco – e come possiamo mitigare gli effetti più dannosi sul nostro benessere.

Questo articolo è stato pubblicato in Informazioni e tecnologia, Libri il da .

Meno internet più Cabernet

Che cosa hanno in comune Google e la barriera del suono, gli asini e i calci di rigore, la Cappella Sistina e il regno di Facebook? Apparentemente nulla, ma cambiando prospettiva, e guardando le cose senza preconcetti, se ne può cogliere l’intimo legame, e scoprire che il mondo in cui viviamo non è poi così scontato. In questo viaggio sorprendente per i sentieri tortuosi del progresso umano, sulle tracce dei pionieri che hanno saputo andare oltre il senso comune, Massimo Marchiori ci accompagna lungo l’evoluzione umana, tecnologica ma anche sociale, e le reciproche relazioni, che trovano la propria sintesi nelle pulsioni dell’uomo. Dall’elefante di Internet all’insolita storia della salamandra, dall’algoritmo della carta igienica alla scoperta della vera “mamma di Google”, il libro affronta con leggerezza di tono e profondità di argomenti le contraddizioni del mondo reale e di quello virtuale, e le questioni calde della comunicazione del sapere e del futuro del progresso. Un futuro in cui l’uomo, nonostante tutto, è ancora il protagonista.

Questo articolo è stato pubblicato in Informazioni e tecnologia, Libri il da .

Dis-connessi

Con il cellulare costantemente tra le mani per controllare gli SMS, le e-mail e i messaggi di whatsapp. dis-connessi racconta le nuove frontiere della comunicazione nell’era tecnologica: un’analisi lucida e spietata, a tratti esilarante, dei limiti dell’iper-connessione. Perché la nuova sfida è quella decisiva: recuperare la capacità di comunicare con chi ci sta accanto, senza interruzioni e distrazioni. La tecnologia ci ha permesso di comunicare con chi è lontano, tocca a noi re-imparare a connetterci con chi è vicino.

Questo articolo è stato pubblicato in Informazioni e tecnologia, Libri il da .

The circle

Appena fa il suo ingresso nella più grande azienda di tecnologia e social media del mondo, The Circle, Mae è incoraggiata dal Fondatore della società Eamon Bailey a rinunciare alla propria privacy e a vivere la sua vita in un regime di trasparenza assoluta. Ma nessuno è veramente al sicuro quando tutti hanno la possibilità di guardare.

Questo articolo è stato pubblicato in Film, Informazioni e tecnologia il da .

Una cosa alla volta

Rispondere al cellulare mentre guidiamo l’auto, mandare sms mentre camminiamo per strada, leggere e nel frattempo ascoltare musica, scrivere una mail e parlare a chi ci sta di fronte: spesso, non senza correre qualche rischio, facciamo molte operazioni contemporaneamente. In un mondò saturo di sollecitazioni e informazioni, come funziona l’attenzione? Gli autori ce lo raccontano, illustrando i meccanismi che la regolano, sfatando il mito del multitasking, rivelando i segreti di chi vuole catturarla a scopi più o meno manipolativi. E attirano – è il caso di dire – la nostra attenzione sui “superstimoliartificiali” di cui si nutrono arte e pubblicità.

Questo articolo è stato pubblicato in Informazioni e tecnologia, Libri il da .

La trama lucente

C’è la creatività dei geni, che cambia il mondo, e c’è quella quotidiana, che ci illumina la vita. Quella degli animali. Quella degli imprenditori e quella delle donne. Quella dei vecchi, dei folli, dei bambini. E c’è la creatività propria del linguaggio. Ma una ricetta – univoca, coerente, oggettiva – per definirla, riprodurla, governarla non esiste. La creatività è un’intuizione che si accende al di là della consapevolezza, ma se non si accompagna alla conoscenza, alla competenza, alla fatica, resta un barlume senza esito. La creatività non è solo talento ma anche allenamento, non è solo natura ma anche cultura. E deve produrre qualcosa di utile, oltre che di nuovo, per la collettività. Questo libro non promette di rendere più creativi i suoi lettori, ma offre una visione al volo del territorio vasto che chiamiamo “creatività”. Un volo che, scoprendo tracce, coordinate, percorsi, ci aiuta a riconoscerla, a rispettarla e a coltivarla. E che, connettendo punti luminosi, ricostruisce una trama fatta di mille trame: quella che, nella mente umana, unisce illuminazioni fino a configurare un concetto nuovo, e quella che a sua volta lo lega a chi l’ha pensato e alla sua storia personale. Quella che salda l’individuo al suo tempo e alla società in cui vive. E che, confrontando le visioni di scienziati, artisti, economisti, forma il disegno scintillante che chiamiamo progresso.

Questo articolo è stato pubblicato in Informazioni e tecnologia, Libri il da .

Verso la creatività e oltre

Quasi vent’anni fa, la Pixar ha rivoluzionato il mondo dell’animazione: grazie a un metodo innovativo, ha dato vita a capolavori come “Toy Story”, “Monsters & Co.,”Alla ricerca di Nemo”, “Gli Incredibili”, “Up” e “WALL-E”, film che hanno collezionato record ai botteghini e hanno ricevuto complessivamente trenta premi Oscar. Per il ritmo della loro narrazione, la fantasia delle trame e l’autenticità delle emozioni che trasmettono, questi lungometraggi sono la perfetta dimostrazione di cosa sia realmente la creatività. In questo libro Ed Catmull, cofondatore della Pixar insieme con Steve Jobs e John Lasseter, ci porta dietro le quinte di una delle più importanti case di produzione cinematografica e, tra aneddoti e lezioni di inventiva, ci svela le strategie che hanno portato a un successo così grande. A partire dall’ingrediente principale: una cultura aziendale unica e stimolante, fondata su principi che proteggono il processo creativo e sfidano lo status quo. Scopriremo così perché gli errori sono parte integrante (e positiva) della realizzazione di un’idea seguendo la storia della travagliata sceneggiatura di “Monsters & Co.” Con l’esempio di “Toy Story 2”, inizialmente destinato al mercato dell’home video e rilasciato infine nelle sale cinematografiche, capiremo perché la qualità non è solo un obiettivo, ma anche un punto di partenza.

Questo articolo è stato pubblicato in Informazioni e tecnologia, Libri il da .

Demenza digitale

Senza computer, smartphone e Internet oggi ci sentiamo perduti. Questo vuol dire che l’uso massiccio delle tecnologie di consumo sta mandando il nostro cervello all’ammasso. Infatti i media digitali rischiano di indebolire corpo e mente nostri e dei nostri figli. Se ci limitiamo a chattare, twittare, postare, navigare su Google… finiamo per parcheggiare il nostro cervello, ormai incapace di riflettere e concentrarsi. L’uso sempre più intensivo del computer scoraggia lo studio e l’apprendimento e, viceversa, incoraggia i nostri ragazzi a restare per ore davanti ai giochi elettronici. Per non parlare dei social che regalano surrogati tossici di amicizie vere, indebolendo la capacità di socializzare nella realtà e favorendo l’insorgere di forme depressive. Manfred Spitzer mette politici, intellettuali, genitori, cittadini di fronte a questo scenario: è veramente quello che vogliamo per noi e per i nostri figli?

Questo articolo è stato pubblicato in Informazioni e tecnologia, Libri il da .

Pausa

Viviamo un’accelerazione in ogni ambito della vita quotidiana. Tuttavia possiamo “perdere tempo” imparando a rallentare i nostri ritmi e facendo anche cose di poca importanza, per rigenerare la mente e consentirle di produrre nuove idee.

Continua a leggere

Questo articolo è stato pubblicato in Informazioni e tecnologia, Sviluppo del potenziale il da .