Archivi categoria: Fisico, mente e alimenti

Relativamente all’€™aspetto mentale, sono da considerare tutte la attività non collegate direttamente a quella lavorativa (es. leggere un libro tecnico collegato alla propria professione non rientra nella ginnastica mentale; risolvere un cruciverba o leggere un romanzo sì).

La mentalità vincente

Per praticare sport di alto livello la tecnica e l’allenamento non bastano. Senza la preparazione mentale, anche un atleta di talento rischia di non riuscire a esprimere e gestire il suo potenziale. In particolare la mindfulness, che consiste nel saper accrescere la consapevolezza delle proprie esperienze focalizzandosi sul presente, è la chiave per poter realizzare prestazioni sportive eccellenti. Con questo atteggiamento, ogni atleta può sviluppare alcuni “superpoteri” che gli permettono di vivere un’esperienza ottimale, di entrare in uno “stato di lusso”, immergendosi completamente nella propria attività senza farsi sopraffare dall’ansia da performance e da risultato. Numerosi sono i riferimenti in chiave divulgativa alle neuroscienze e alla fisiologia, a film e a spaccati di vita di grandi campioni dello sport. In questo libro, Mumford condivide le tecniche e le strategie adottate nella vita e con i superatleti da lui allenati. Coach e oratore di tutto rispetto, ha uno stile d’insegnamento carismatico, che combina accessibili pratiche di mindfulness con suggestioni derivanti da alcune icone della cultura pop, come Yoda, Indiana Jones e Bruce Lee. Le sue tecniche collaudate, graduali e all’avanguardia al tempo stesso, possono trasformare i risultati di chiunque voglia ottimizzare le proprie prestazioni, a prescindere dall’attività.

Questo articolo è stato pubblicato in Fisico, mente e alimenti, Libri il da .

Il cervello affamato

Perché mangiamo troppo? Cosa possiamo fare per sedare la nostra fame e per non rischiare di ingrassare? Il cervello affamato è il risultato di una ricerca che lo scienziato Stephan Guyenet ha compiuto a 360 gradi sul mondo dell’alimentazione e dell’obesità. Grazie a spiegazioni semplici e dirette, tabelle e grafici, il lettore entra a contatto con una materia che lo riguarda da vicino, incidendo sulla sua vita quotidiana. Nessuno, sostiene Guyenet, vuole cibarsi tanto e per tanti anni di seguito, con il rischio di incorrere in malattie cardiache, respiratorie, diabete… Il problema non è dunque una mancanza di volontà o l’ignoranza su come e cosa mangiare. Le nostre scelte alimentari sono sviate da circuiti istintivi cerebrali che seguono altre regole. Conoscerli non è impossibile, le neuroscienze ci vengono in aiuto. 

Questo articolo è stato pubblicato in Fisico, mente e alimenti, Libri il da .

Self/less

Un potente multimiliardario sta morendo. Uno scienziato senza scrupoli gli offre una soluzione. Per 100 milioni di dollari, attraverso un procedimento top secret, potrà trasferire i suoi ricordi, i suoi valori, la sua stessa anima nel corpo di un’altra persona sana e continuare a vivere. L’esperimento apparentemente riuscito, inizierà presto ad avere effetti collaterali letali.

Questo articolo è stato pubblicato in Film, Fisico, mente e alimenti il da .

Cosa rende felice il tuo cervello

“Cosa rende felice il tuo cervello” fa ridere, fa pensare e ci insegna molte cose su noi stessi. In una prosa accattivante, costellata di storie vere nelle quali non fatichiamo a immedesimarci, David DiSalvo ci mette inesorabilmente di fronte alle nostre debolezze, quelle più profonde, cablate indelebilmente nelle nostre menti. Il nostro cervello è una macchina per prevedere e rilevare schemi ricorrenti, che ama la stabilità, la chiarezza e la coerenza: tutto meraviglioso, tranne quando non lo è. La capacità del nostro cervello di difendersi dalle minacce – che ha permesso alla specie umana di sopravvivere e prosperare – comporta una serie di effetti collaterali, tutti strettamente interconnessi ai nostri comportamenti più usuali. In questo libro si affrontano molti di questi casi paradossali di vita quotidiana: ci ingannano e ci fanno sbagliare, anche se fanno la felicità di quell’organo anticipatore di minacce che è il nostro cervello.

Questo articolo è stato pubblicato in Fisico, mente e alimenti, Libri il da .

La mente che vaga

Vi è mai capitato, a scuola o durante una riunione, di guardare con occhi sognanti fuori dalla finestra? Se gli altri se ne fossero accorti, avreste comunque potuto replicare che non c’era nulla di strano nel vostro comportamento, poiché la scienza insegna che la nostra mente divaga per circa metà del tempo. È un problema? Michael Corballis sostiene di no. Gli studi più recenti indicano che il vagare con la mente rappresenta una fonte da cui traggono alimento sia la nostra facoltà immaginativa e creativa sia la nostra capacità di condividere pensieri ed emozioni con gli altri. Viaggiamo con la mente nel tempo e nello spazio, vaghiamo senza meta nei sogni ed elaboriamo piani, tutto questo grazie alla nostra capacità di divagare, una capacità che ci rende unici, sia come specie sia come individui.

Questo articolo è stato pubblicato in Fisico, mente e alimenti, Libri il da .

Il potere delle abitudini

La maggior parte delle scelte che compiamo ogni giorno non sono frutto di riflessioni consapevoli bensì di abitudini. E benché, singolarmente, non abbiano grande significato, nel loro complesso le abitudini influenzano enormemente la nostra salute, il nostro lavoro, la nostra situazione economica e la nostra felicità. Da secoli gli uomini studiano le abitudini, ma è solo negli ultimi anni che la neurologia, la psicologia, la sociologia e gli esperti di marketing hanno realmente iniziato a capire in che modo funzionano. Questo libro indaga la formazione delle abitudini sia a livello individuale sia collettivo, nelle aziende e nelle istituzioni. La buona notizia è che le abitudini non sono un destino: si possono ignorare, cambiare, sostituire o…mantenere.

Questo articolo è stato pubblicato in Fisico, mente e alimenti, Libri il da .

Blue mind

C’è qualcosa nell’acqua che da sempre ci attrae e ci affascina. Istintivamente sappiamo che stare vicino all’acqua ci rende più vitali e più sereni, riduce lo stress e ci dona un senso di pace. Ma perché? E la risposta a questa domanda che cosa potrebbe dirci su come dovremmo vivere la nostra vita? Dopo esserci posti questi interrogativi per secoli, siamo finalmente in grado di dare delle risposte, e queste risposte possono cambiarci vita. Come Wallace J. Nichols rivela in questo libro, oggi ci troviamo su fronte di una vera e propria ondata di neuroscienze, biologia evolutiva e ricerca medica che illuminano i processi fisiologici e cerebrali che si innescano quando entriamo in connessione con l’acqua. Tra noi e l’acqua c’è un legame quasi magico, forse indescrivibile , che però è al contempo reale e benefico. In Blue Mind Wallace J. Nichols chiama questa connessione tra l’essere umano e l’Acqua: la Mente Blu. L’autore la definisce uno stato leggermente meditativo, caratterizzato da calma, serenità, armonia e da un senso di generale felicità e soddisfazione nei confronti della vita.

Questo articolo è stato pubblicato in Fisico, mente e alimenti, Libri il da .

Il bello di uscire dagli schemi

La struttura a spirale che caratterizza il circolo vizioso fa sì che le nostre premesse errate si automantengano ricorsivamente. Per orgoglio, o per paura, non è facile riuscire a guardare fuori e rompere gli schemi. Non immaginiamo che la vita reale abbia in serbo per noi una storia più bella. Il nostro piccolo delirio privato è una proiezione distorta ma molto credibile, che ci impedisce di contattare il vero sé. Ed è un peccato. Perché questa parte più profonda e luminosa di noi ha la forza e i mezzi per farci deviare da percorsi costruiti dall’abitudine, dai pregiudizi o dalle aspettative altrui. Se solo imparassimo a riconoscerla, ne scopriremmo l’inaspettata potenzialità di farci vivere davvero felici e presenti, seguendo la meravigliosa spirale evolutiva del circolo virtuoso. Ognuno di noi si racconta una storia tutta sua, spesso senza lieto fine: la vittima della sfortuna, il guerriero sempre sconfitto, la donna invisibile. Sembra un destino senza alternative, che la nostra vita non fa che confermare ogni giorno. Infatti, viviamo intrappolati in una trama fatta di convinzioni basate su presupposti falsi, di prigioni più mentali che reali, di abitudini acquisite in modo irriflesso.

Questo articolo è stato pubblicato in Fisico, mente e alimenti, Libri il da .

L’arte di ricordare tutto

Quaranta giorni. È il tempo che ciascuno di noi spreca in media ogni anno per rimediare a ciò che dimentica: per andare a recuperare il cellulare lasciato chissà dove, per cercare le chiavi di casa o per rintracciare informazioni importanti. Joshua Foer rientrava a pieno titolo in questa media, ma dopo un anno di allenamento si è ritrovato alla finale del Campionato statunitense della memoria. Dunque la memoria si può davvero migliorare, chiunque può riuscire a imparare 1528 numeri a caso in un’ora e ricordarseli tutti, come il pluricampione del mondo Ben Pridmore. Ripercorrendo la storia della mnemotecnica dall’antica Grecia ai giorni nostri e illustrando metodi concreti grazie ai quali possiamo tenere a mente le informazioni che ci interessano, Joshua Foer ci dimostra che “in ognuno di noi si nasconde un piccolo Rain Man”. Che la memoria è un dono che tutti possediamo ma di cui spessissimo ignoriamo le potenzialità. “Che cosa ha significato per l’individuo e per la società” si chiede Foer “il passaggio da una cultura fondata sulla memoria interna a una cultura basata sulle memorie immagazzinate al di fuori del cervello? Tutto questo per noi è stato senz’altro un guadagno, ma con che cosa l’abbiamo barattato? Come affrontiamo il fatto di aver perso la memoria.

Questo articolo è stato pubblicato in Fisico, mente e alimenti, Libri il da .

La teoria del tutto

Nel 1963 Stephen è un brillante studente di cosmologia presso l’università di Cambridge in Inghilterra. È determinato a trovare una “semplice ed efficace spiegazione” dell’universo e fa dei passi da gigante. Il suo mondo cambia quando si innamora perdutamente della collega Jane Wilde, studentessa di lettere a Cambridge. Stephen, al tempo un ragazzo sano e attivo, a soli 21 anni riceve una diagnosi sconvolgente: una malattia del motoneurone colpirà i suoi arti, lasciandolo con limitate capacità motorie e linguistiche, e una prospettiva di vita di soli due anni. L’amore, la tenacia e l’infinito sostegno di Jane non vacillano – e la coppia si sposa. Jane combatte instancabilmente al suo fianco e Stephen non si arrende alla diagnosi. Lo incoraggia a finire il dottorato di ricerca con la sua teoria iniziale sulla creazione dell’universo. La coppia mette su una famiglia, e grazie alla sua acclamata teoria, Stephen intraprende il suo più ambizioso lavoro scientifico, studiando esattamente ciò che a lui nella vita manca – il tempo. Mentre il suo corpo incontra sempre più limiti, la sua mente continua ad esplorare i limiti della fisica teorica. Insieme, Stephen e Jane sfidano gli ostacoli più imponenti, esplorando nuovi territori nel campo della medicina e della scienza, raggiungendo più di quanto avrebbero mai potuto immaginare – fino al 21° secolo.

Questo articolo è stato pubblicato in Film, Fisico, mente e alimenti il da .