Archivi categoria: Economia

Per economia si intende la sensazione psicologica di piacere/soddisfazione che deriva dall’€™acquisto di un bene/servizio che non rientra tra quelli di prima necessità . Tale sensazione deve essere considerata in rapporto alla sua durata e allo sforzo necessario per guadagnare il denaro che si è speso per l’€™acquisto.

Neuromania

Autore: Paolo Legrenzi e Carlo Umiltà
Neuroeconomia, neuromarketing, neuroestetica, neuroteologia…: si affacciano oggi sulla scena nuove e sempre più fantasiose discipline frutto del cortocircuito tra saperi antichi e scoperte recenti sul funzionamento del cervello. Sui media proliferano articoli divulgativi, corredati da foto a colori del cervello, che ci mostrano il luogo preciso dove si sviluppa un certo pensiero o una certa emozione, facendoci credere che sia possibile vedere direttamente, senza mediazioni, il cervello al lavoro. Ma le cose stanno veramente così? Questo volume, scritto da due studiosi di psicologia e neuropsicologia, discute alcuni luoghi comuni associati alla relazione mente-corpo, cervello-psiche, natura-cultura, mettendoci in guardia dalle ricadute culturali che un uso distorto delle possibilità aperte dalle nuove e potenti tecnologie di neuroimmagine può comportare. Un interessantissimo testo divulgativo per porre la giusta attenzione sul fatto che, anche in discipline serie e particolarmente utili come le neuro scienze, la moda e l’eccesso possono portare ad un cattivo utilizzo della conoscenza.

Questo articolo è stato pubblicato in Economia, Libri il da .

Consumati

Autore: Barber Benjamin R.
Le nostre vite sono consumate. Un intero sistema economico, culturale ed esistenziale sembra essere arrivato alla fine. Il capitalismo si è sovvertito da se stesso. Come? Con l’affermazione pervasiva di un modello di consumo che ha ormai minato compiutamente le stesse basi etiche delle società moderne. Le utopie del bene comune tanto decantate da Max Weber e dai puritani americani, i richiami alla moralità del risparmio e le aspirazioni al progresso dei gruppi sociali sono stati radicalmente soppiantati dall’esaltazione della spesa in sé e dal culto dell’individuo. Più che fornire beni, il capitalismo del consumo crea bisogni, alimenta pulsioni regressive modulate sul profilo di un consumatore-bambino dove l'”io voglio” predomina sul “ci serve”. Da cittadini consapevolmente attivi nella sfera pubblica siamo degradati a clienti. E le malattie del benessere, tanto più in un’era dominata dalla instabilità finanziaria, sono pericolose per la nostra democrazia perché minano la responsabilità degli individui, distruggono il loro declinante senso di appartenza nei confronti della comunità.

Questo articolo è stato pubblicato in Economia, Libri il da .

Funky Business

Autore: Jonas Ridderstrale, Kjell Nordström
Tecnologia, istituzioni e valori vengono sovvertiti e rovesciati. Stiamo deregolamentando le nostre vite e quelle dei nostri figli. Il comportamento sociale, le aspettative e i sistemi sono sottoposti a vere e proprie scosse sismiche. Man mano che surplus ed eccesso divengono un modello di vita (e di affari) la società si va ristrutturando secondo meccanismi tribali. Solo chi è in possesso di una formula unica e originale sopravviverà. In tempi come questi non è possibile fare gli imprenditori in modo tradizionale, bisogna essere ‘funky’.

Questo articolo è stato pubblicato in Economia, Libri il da .